GCDS.
GOD CAN'T DESTROY STREETWEAR

Progetto senza titolo (67).png

Letteralmente “God Cannot Destroy Streetwear” o – in una delle mille interpretazioni - “Giuro che domani smetto”. Un linguaggio contemporaneo quello usato da Giuliano Calza, creative director di GCDS, che pervade le collezioni di questo brand, nato a Milano nel 2015, con il chiaro obiettivo di parlare, in modo diretto, ai suoi coetanei. Riuscendoci.

 

In GCDS il logo torna a essere parte del design, come fosse un decoro o un abbellimento. Un inno allo streetwear, che interrompe, con una carica di energia e di irriverente ironia, anni di minimalismo e understatement. Particolare degno di nota: l’intera produzione dei capi è circoscritta alle città di Bergamo e Barletta.

COLLEZIONE